Fresco, fruttato e piccante…è arrivato il nuovo olio extravergine di oliva Sciauro

La raccolta delle olive ha impegnato i nostri contadini e braccianti nei mesi di ottobre e novembre ed ora il loro prezioso lavoro è ripagato dall’arrivo sulle nostre tavole dell’olio extravergine di oliva Sciauro.

Di un bel colore verde dorato, al naso presenta un’accattivante profumo fruttato, dai complessi sentori vegetali tra i quali spicca, inconfondibile, il pomodoro. Le caratteristiche olfattive trovano poi conferma in bocca, arricchendosi di richiami di erbe aromatiche, dove, al dolce iniziale, segue l’amaro, ben sostenuto da una contenuta piccantezza.

Sciauro è ottenuto dalle olive della cultivar Nocellara del Belice e lo potete gustare sui piatti della tradizione siciliana, ma non solo, perché Sciauro conferisce note nuove e profumate a tutte le vostre preparazioni, arricchendo il sapore delle vostre ricette.

sciaurorotondafiori4

Vellutata zucca, carote e zenzero con olio Sciauro di Sicilia

Per affrontare i giorni “post Natale”, che si sono distinti anche quest’anno da lunghe abbuffate, ho pensato ad un piatto leggero, ma gustoso, che ho provato per caso in Austria, dove le zuppe animano i menu di tutte le tavole!

Si tratta di una vellutata con zucca, carota e zenzero e quest’ultimo le conferisce un sapore fresco e lievemente pungente che si sposa perfettamente con gli altri ingredienti.

Vellutata zucca, carote e zenzero

Vellutata zucca, carote e zenzero

Ingredienti per 4 persone:

400 grammi di zucca

4 carote medie

2 cipolle rosse

2 centimetri di radice di zenzero

brodo vegetale

qualche seme di zucca per guarnire

olio extravergine di oliva Sciauro di Sicilia o dal sapore fruttato medio

Sbucciate zucca, carote e cipolle. Riducete tutta la verdura in piccoli pezzi che passerete in padella per una leggera scottata con l’olio. Dopo due minuti aggiungete la radice di zenzero pelata e grattugiata e coprite il tutto con il brodo vegetale fino a che non si assorbe.

Una volta che le verdure sono morbide, passatele al frullatore per ottenere un composto omogeneo…una bella vellutata appunto.

Potete guarnire con semi di zucca e gustarla con un filo di olio extravergine di oliva Sciauro, come abbiamo fatto noi.  In alternativa potete consumarla anche con un cucchiaio di caprino fresco e crostini di pane. La prima versione è quella più leggera.

Buon appetito e fatemi sapere se vi è piaciuta!

Il GirOlio 2014

Vi segnalo questo tour promosso dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio. Un viaggio nelle produzioni tipiche delle 350 Città dell’Olio italiane che da maggio a dicembre sta toccando16 regioni italiane – dal Molise alla Trentino Alto Adige  – facendo tappa nelle principali piazze d’Italia.

Il 26 settembre sono nella nostra Sicilia, a Castelvetrano, dove Sciauro è prodotto!

In ogni tappa di GirOlio d’Italia 2014 è previsto un ricco programma di eventi: convegni scientifici e divulgativi, degustazioni di olio in abbinamento ai pani della tradizione e ad altri prodotti dell’eccellenza gastronomica locale, mostre dedicate alle civiltà dell’olivo, visite ai frantoi, eventi musicali, antichi mercatini, spettacoli di piazza, manifestazioni folkloristiche, corsi di cucina e di assaggio dell’olio extravergine e il coinvolgimento delle scolaresche in percorsi di conoscenza del mondo dell’olio extravergine con la premiazioni dei migliori oliveti.

Sotto il link per maggiori informazioni

http://girolio.cittadellolio.it/contatti.asp

cartina giro dell'olio 2014